L'allenatore nel pallone 2 (2008).avi DVDRip -ITA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'allenatore nel pallone 2 (2008).avi DVDRip -ITA

Messaggio  football_1974 il Lun Giu 06, 2011 2:28 pm





DATI TECNICI

Titolo originale: L'allenatore nel pallone 2
Anno: 2008
Paese: Italia
Durata: 112'
Colore: Colore
Audio: Sonoro
Genere: Commedia/Comico
Regia: Sergio Martino
Soggetto: Lino Banfi, Sergio Martino, Luciano Martino, Luca Biglione, Romolo Guerrieri, Franco Verucci
Sceneggiatura: Lino Banfi, Sergio Martino, Luciano Martino, Luca Biglione, Romolo Guerrieri, Franco Verucci
Montaggio: Alberto Moriani, Eugenio Alabiso, Alessandro Cerquetti
Produttore: Mino Loy, Luciano Martino, Azzurra Mastrangelo, Marco Poccioni, Marco Valsania
Casa di produzione: Dania Film
Distribuzione (Italia): Medusa
Musiche: Amedeo Minghi
Fotografia: Bruno Cascio
Scenografia: Fabio Vitale
Costumi: Valentina Di Palma




CAST:

Lino Banfi: Oronzo Canà
Giuliana Calandra: Mara Canà
Anna Falchi: Gioia Desideri
Biagio Izzo: Fedele
Stefania Spugnini: Michelina
Alessandro Bonanni: Oronzino
Urs Althaus: Aristoteles
Joanna Moskwa: Myra
Andrea Roncato: Bergonzoni
Mirko Da Cruz Evora: Caninho
Andrea "Pucci" Baccan: Willy Borlotti
Emilio De Marchi: Ivan Ramenko
Ilaria D'Amico: se stessa
Milo Coretti: Burrai
Maurizio Casagrande: Cherubini
Max Parodi: Brambilla
Andrea Perroni: De Santis
Giorgio Alfieri: Luisini
Lucio Montanaro:Cameriere di casa Canà
Camillo Milli: Borlotti Senior
Gemelli Ceccarelli: I Gemelli
Alessandro Caroppo: Capo ultrà
Ivano Niosi: Operatore tv Gioia
Ettore D'Alessandro: Eliot
Antonio Zambito: Sorella di Crisantemi
Dino Cassio: Massaggiatore Longobarda
Emy Bergamo: La sexy guardalinee
Little Tony: se stesso
Sandro Piccinini: se stesso
Giampiero Mughini: se stesso
Cindy Lucas: Busty Blonde





TRAMA
Lo avevamo lasciato in trionfo più di vent'anni or sono mentre festeggiava la salvezza in serie A in braccio a due gemelli nerboruti, dopo una travagliata stagione a base di corna, corruzione e calcio. Lo ritroviamo oggi, visibilmente invecchiato ma grintoso come sempre, che sogna un insperato ritorno in panchina con la sua Longobarda, compagna di gioie e sventure.
Nell'anno domini 2007, grazie al coraggio di un "cummenda" milanese e di un losco figuro proveniente dalla Russia, il sogno della Longobarda diventa realtà. Per una serie di vicissitudini dovute a promozioni e retrocessioni a tavolino, truffe, fallimenti, cessioni, la squadra di Oronzo Canà può tornare nella massima serie e disputare insieme alle altre grandi un campionato di tutto rispetto, introducendo un modulo che dopo la Bi-zona farà discutere e appassionare: il metodo a farfalla. Arriva, prima o poi, il momento di confrontarsi con un cult movie che negli anni '80 fu snobbato dalla critica per poi divenire uno dei film più visti, acquistati e chiacchierati degli ultimi cinquant'anni di storia patria.
Sarebbe molto comodo, a conti fatti, lasciare ai posteri una sentenza difficile, un ritorno che non possiede la magia dell'originale ma che fa sorridere (e anche con gusto) per le geniali trovate di un Lino Banfi che sembra non aver mai abbandonato del tutto la sua comicità. Per il resto, si può procedere a un resoconto che apra spazi di dibattito e discussione, come nei bar sport o nei cineforum. L'effetto nostalgia, col quale il revival seduce il suo pubblico, manca qui della sua arma più sottile ed efficace, quella naturalezza e quella genuinità che né quel cinema di genere, né quel calcio alla genesi del divismo e dell'opulenza posseggono più. E dare in mano a Sergio Martino un cast che ricalca quasi in toto quello dell'84 (con una differenza di budget non indifferente) significa evidenziare in maniera piuttosto esplicita quelle differenze "tecniche" di un cinema che non possiede più il "genere", ma ne appare anzi posseduto a fini meramente commerciali.
Sarebbe un peccato, però, non evidenziare quel che di buono la pellicola offre, nel tentativo di omaggiare un passato non troppo glorioso ma che ha conquistato almeno tre generazioni di spettatori. Risultato, questo, che non può essere snobbato da facili intellettualismi. Oronzo Canà piace per la sua mediocrità e noi, dopotutto, non potremo mai esser così certi che il calcio, anche ai tempi d'oro di un genere tutto italiano, fosse davvero diverso da come è oggi. Eroi o coglioni, tanto per citare, fa poca differenza. L'importante è riuscire ancora a divertirsi. Due stelle al film, una al ritorno di Lino Banfi al cinema.


SCREENSHOT














oppure


football_1974

Messaggi : 182
Data d'iscrizione : 01.06.11

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum