James Stewart

Andare in basso

James Stewart

Messaggio  Admin il Sab Ott 27, 2012 11:27 am


James Maitland Stewart nacque il 20 maggio 1908, da devoti genitori d'origine scozzese, ad Indiana, Pennsylvania. Figlio maggiore (aveva due sorelle più giovani, Virginia e Mary) del ricco proprietario di magazzini e rivendite di ferramenta, ci si aspettava da lui la continuazione dell'attività paterna, appartenuta alla famiglia per tre generazioni. Il giovane Stewart dapprima attratto dall'aviazione, abbandonò i sogni da pilota per frequentare la Princeton University nel 1928, laureandosi nel 1932. Stewart cominciò subito l'iter professionale dei laureati in architettura, ma gradualmente venne attratto dalle scuole di arte drammatica e dai circoli musicali, incluso il famoso Princeton Triangle Club[1]. All'epoca fu membro del Princeton Charter Club. Le sue doti interpretative gli permisero di essere invitato alla University Players, un circolo d'arti drammatiche frequentato da musicisti e attori iscritti alla Thespian. Dopo aver recitato per il circolo in piccole parti durante l'estate del 1932, in inverno si trasferì a New York, dove condivise un appartamento con l'attore emergente Henry Fonda ed il regista/autore Joshua Logan. A novembre, fu scritturato nel ruolo di autista nella commedia di Broadway Goodbye again, la sua prima produzione teatrale importante, dove aveva due battute. La commedia ebbe un discreto successo e gli portò altri ruoli a teatro, incluso un successo del 1934, Page Miss Glory, ed il suo primo ruolo teatrale drammatico nel Yellow Jack di Sidney Howard. Con molte recensioni favorevoli a Broadway, attrasse l'interesse della MGM e firmò un contratto con la compagnia nell'aprile del 1935. Inizialmente ebbe dei problemi a sfondare a Hollywood a causa del suo aspetto allampanato e della sua timida e dimessa presenza sullo schermo. Il suo primo film fu un flop di Spencer Tracy, Ultime notizie, ma Rose Marie, adattamento di un'operetta popolare, ebbe più successo. Dopo film accolti mediamente bene, ricevette la sua prima parte importante in Dopo l'uomo ombra del 1936, interpretando un killer psicopatico. Stewart trovò una sua collocazione ad Hollywood grazie soprattutto al contributo di una ex dell'University Players[2], Margaret Sullavan, che lo volle come suo primo attore nella commedia romantica del 1936 Next Time We Love, provata ampiamente con lui. Nel 1938 Stewart iniziò una collaborazione di successo col regista Frank Capra, quando fu dato in prestito alla Columbia Pictures per recitare in L'eterna illusione (1938). Il film dai buoni sentimenti sulla Grande depressione, con l'attrice preferita da Capra, Jean Arthur, vinse l'Oscar per il miglior film del 1938. Il 1939 vide Stewart ancora insieme a Capra ed alla Arthur per la commedia drammatica politica Mr. Smith va a Washington. Stewart sostituì Gary Cooper nel film, nel ruolo di un uomo idealista lanciato nell'arena politica. Quando il film fu distribuito in ottobre, conseguì il plauso della critica e divenne un successo al botteghino. Per la sua interpretazione, Stewart ottenne la prima delle sue cinque nomination all'Oscar come miglior attore. Partita d'azzardo accanto a Marlene Dietrich, anch'esso uscito quell'anno, fu il primo western di Stewart, un genere che lo renderà famoso più tardi nella sua carriera. Ritorna l'amore (1939) vide Stewart condividere lo schermo con l'irrefrenabile Carole Lombard in un melodramma che raccolse buone recensioni per entrambi. Il Newsweek scrisse che erano perfettamente calati nei ruoli principali. Nel 1940 Stewart e Margaret Sullavan lavorano di nuovo insieme per due film. Il primo, la commedia romantica di Ernst Lubitsch, Scrivimi fermo posta, vede Stewart e la Sullavan come colleghi di lavoro coinvolti a loro insaputa in una storia d'amore per corrispondenza che non riesce a sbocciare nella loro vita reale (ne fu realizzato un remake, C'è posta per te, con Tom Hanks e Meg Ryan nel 1998). Bufera mortale, diretto da Frank Borzage, fu uno dei primi film apertamente antinazisti ad essere prodotti a Hollywood, e vede la coppia come marito e moglie intrappolati nella turbolenta ascesa al potere di Adolf Hitler.
Stewart nello stesso anno recitò, insieme a Katharine Hepburn e Cary Grant, in uno dei classici di George Cukor, Scandalo a Filadelfia. La sua interpretazione di un giornalista invadente e persuasivo gli valse il suo unico Oscar in una categoria competitiva (Miglior Attore, 1941). Stewart diede la statuetta a suo padre, che la mise in mostra nel suo negozio di ferramenta per molti anni. In questo periodo, apparve in una serie di screwball comedy con successi alterni: Non è tempo di commedia (1940) e Vieni a vivere con me (1941), il musical Le fanciulle delle follie, con Judy Garland e Lana Turner, e la commedia romantica di George Marshall Un sacco d'oro. Con la guerra alle porte, Stewart si arruolò nella United States Army Air Corps, l'aviazione americana dell'epoca, nel marzo del 1941. L'arruolamento coincise con la fine del suo contratto MGM e segnò un punto di svolta della sua carriera. Dopo aver preso parte ad alcuni film televisivi negli anni ottanta, incluso Right of Way, James Stewart si ritirò dalle scene per stare con la sua famiglia. In seguito soffrì di numerosi problemi di salute e ritornò solo per prestare la propria voce allo sceriffo Wylie Burp nel film animato di successo Fievel conquista il West (1991).
Tra gli uomini d'affari più oculati di Hollywood, Stewart diversificò gli investimenti, investendo nel mercato immobiliare, nel petrolio ed in una compagnia aerea di voli charter. Divenne miliardario. Tra gli anni ottanta e novanta prestò la voce per le pubblicità della Campbell's Soups. Nel 1989 fondò insieme a Peter F. Paul l'American Spirit Foundation, con lo scopo di usare le risorse dell'industria dell'intrattenimento per sviluppare approcci innovativi all'educazione pubblica e per assistere i movimenti democratici emergenti dei Paesi della ex cortina di ferro ed in Russia. Il 16 febbraio 1994 un cancro gli portò via la moglie Gloria. Descritto quasi universalmente dai suoi collaboratori come un uomo cortese, affabile ed un vero professionista[13], James Maitland Stewart morì a 89 anni, il 2 luglio 1997, nella sua casa di Beverly Hills, per un'embolia polmonare dopo una lunga malattia costellata da problemi respiratori. Se ne andò solo a un giorno dalla morte del suo collega sullo schermo Robert Mitchum, e venne sepolto al Forest Lawn Memorial Park, a Glendale (California).


"
Art Trouble (1934) (non accreditato)
Ultime notizie (1935)
Rose Marie, regia di W.S. Van Dyke II (1936)
Next Time We Love (1936)
Gelosia (Wife vs. Secretary) di Clarence Brown (1936)
Important News (1936) (non accreditato)
La provinciale (1936)
Speed (1936)
Troppo amata (1936)
Nata per danzare (1936)
Dopo l'uomo ombra (1936)
Settimo cielo (1937)
L'ultimo gangster (1937)
La vita a vent'anni (1937)
Cuori umani (1938)
Una donna vivace (1938)
The Shopworn Angel (1938)
L'eterna illusione (1938)
Ritorna l'amore (1938)
Jess il bandito (1939)
Follie sul ghiaccio (1939)
Questo mondo è meraviglioso (1939)
Mr. Smith va a Washington (1939)
Partita d'azzardo (1939)
Scrivimi fermo posta (1940)
Bufera mortale (1940)
Non è tempo da commedia (1940)
Scandalo a Filadelfia (1940)
Vieni a vivere con me (1941)
Un sacco d'oro (1941)
Le fanciulle delle follie (1941)
American Creed (1946)
La vita è meravigliosa (1946)
La città magica (1947)
Chiamate Nord 777 (1948)
La strada della felicità (1948)
Nodo alla gola (1948)
Devi essere felice (1948)
Ritorno del campione (1949)
Malesia (Malaya), regia di Richard Thorpe (1949)
Winchester '73 (1950)
L'amante indiana (1950)
La fortuna si diverte (1950)
Harvey (1951)
Il viaggio indimenticabile (1951)
Il più grande spettacolo del mondo (1952)
Là dove scende il fiume (1952)
Carabina Williams(1952)
Lo sperone nudo (1953)
La baia del tuono (1953)
La storia di Glenn Miller (1953)
Tomorrow's Drivers (1954)
La finestra sul cortile (1954)
Terra lontana (1954)
Aquile nell'infinito (1955)
L'uomo di Laramie (1955)
L'uomo che sapeva troppo (1956)
L'aquila solitaria (1957)
Passaggio di notte (1957)
La donna che visse due volte (1958)
Una strega in paradiso (1958)
Anatomia di un omicidio (1959)
Sono un agente FBI (1959)
Tempesta sulla Cina (1960)
Cavalcarono insieme (1961)
Il leggendario X 15 (1961) (voce)
L'uomo che uccise Liberty Valance (1962)
Mister Hobbs va in vacanza (1962)
La conquista del West (1962)
Prendila è mia (1963)
Il grande sentiero (1964)
Erasmo il lentigginoso (1965)
Shenandoah - La valle dell'onore (1965)
Il volo della fenice (1965)
Rancho bravo (1966)
L'ora della furia (1968)
Bandolero! (1968)
Non stuzzicate i cowboys che dormono (1970)
L'uomo dinamite (1971)
Il pistolero (1976)
Airport '77 (1977)
Marlowe indaga (1978)
La più bella avventura di Lassie (1978)
Afurika monogatari (1980)
Fievel conquista il West (1991) (voce)

Admin
Admin

Messaggi : 355
Data d'iscrizione : 07.04.11
Età : 54
Località : Feletto Canavese (TO)

Visualizza il profilo dell'utente http://allfilmitalia.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum